Michele Uva (dg Federcalcio): “Diritti tv? Non spostano gli equilibri, bisogna trovare altri introiti”

Michele Uva (dg Federcalcio): “Diritti tv? Non spostano gli equilibri, bisogna trovare altri introiti”

Le parole del direttore generale della Lega Calcio.

Il direttore generale della FIGC, Michele Uva, è intervenuto ai microfoni del programma L’Ottavo Scudetto facendo alcune considerazioni sulla situazione in Lega Calcio, partendo dalla questione arbitri: “Gli arbitri possono commettere errori, così come giocatori e dirigenti. Non c’è nulla di precostituito contro il Bologna, semplice casualità. Per ridurre questi errori abbiamo introdotto la goal line technology e quest’anno stiamo testando la VAR. Spero che dal prossimo anno potremmo già introdurre la video assistenza, ma dipende dalla FIFA”.

Alcune considerazioni anche sulla spinosa questione dei diritti tv: “C’è una legge dello Stato. La Federazione non ha potere sul tema. I diritti televisivi non sono la panacea dei mali, bisogna trovare altri introiti. Pur cambiando la legge sui diritti Tv non si sposteranno gli equilibri del campionato. Juventus e Sassuolo hanno dimostrato che con gli stadi di proprietà e il rinnovamento dei servizi hanno realizzato un aumento di tifosi presenti del 40 %. Serie A a 18 squadre? La proposta deve partire dalla Lega Serie A che devono poi interfacciarsi con le altre leghe”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy