Merola: “Andiamo avanti con il Restyling. Costi? Il bilancio ci consente di intervenire”

Merola: “Andiamo avanti con il Restyling. Costi? Il bilancio ci consente di intervenire”

Il sindaco Merola ospite al Pallone nel 7: “Saputo ci fornisce una occasione da cogliere”

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Ospite del Pallone nel 7 su E’tv, il sindaco di Bologna Virginio Merola è intervenuto sulla questione Restyling del Dall’Ara e sulla decisione di destinare risorse pubbliche sull’opera di riqualificazione dell’impianto di via Andrea Costa:

La strada intrapresa è quella migliore, si chiama stadio comunale e questo significa che è di tutti i cittadini – ha affermato Merola –  Bisogna intervenire, per primo sulla legge sismica ma anche con altri interventi di ristrutturazione. Saputo accetta di fare il Restyling dell’attuale impianto ed è una occasione da cogliere, tra l’altro questa strategia è condivisa dall’intero consiglio comunale e da questa settimana inizieranno gli incontri tecnici che porteranno al progetto definitivo, avremo 4 incontri in cui faremo una stima precisa dei costi. Perché non subito l’intervento pubblico? Il progetto preliminare con la stima dei costi ci è stato consegnato ad agosto e la lettera a fine mese, la nostra posizione è che ai Prati di Caprara non è opportuno fare una cittadella della moda: quell’area è finalizzata a un grande parco e a case da destinare all’affido. Non riteniamo inoltre utile costruire un nuovo stadio altrove. Il motivo principale? Un Dall’Ara inutilizzato. In secondo luogo non abbiamo intenzione di cementificare nuove zone della città”.

Sull’utilizzo di risorse pubbliche su un impianto sportivo e non su altre urgenze della città: “Bologna è uscita dalla crisi, gli investimenti sono aumentati e stiamo riducendo l’Irpef. Abbiamo un bilancio solido che ci permette di affrontare questa prova e gli investimenti su scuola, traffico ed altre esigenze della città sono già pianificati indipendentemente da quello che metteremo a disposizione per il Dall’Ara. Saputo? L’ho incontrato a cena ed è d’accordo col nostro intervento”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. stbent_482 - 2 mesi fa

    deve però sindaco, sindacare con i suoi tecnici anche sulla capienza e non ascoltare, visto che il comune ci mette circa la metà dei soldi e quindi noi cittadini, le fantasie di dirigenti del BFC che mi sembra, in questi anni non abbiano dato una gran prova di se nei risultati calcistici, e che vorrebbero consegnarci uno stadietto con la capienza di stadi come Cesena o Reggio Emilia, noi siamo uno dei comuni più importanti d’Italia ed una delle squadre con una storia importante e se il Bologna avesse una squadra simil Fiorentina per gran parte dell’anno riempirebbe completamente lo stadio. Ecco perché io penso che tolta la pista di atletica e portati gli spalti a ridosso del campo i tecnici non avrebbero nessun problema a portare la capienza a 38.000 posti come per i mondiali 90. Firenze che una città come la ns, e con una squadra che negli ultimi 5 anni è arrivata nelle prime 5 ha presentato in “pompa magna” un progetto di nuovo stadio di 40.000 posti. Noi non rimarremo in eterno un Bologna calcio da ultimi posti e le dirigenze passano ed il Dall’Ara resta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy