Masina, il terzino nel cuore dei tifosi

Masina, il terzino nel cuore dei tifosi

Dalla tribuna con la primavera, a pedina titolare inamovibile sulla fascia sinistra. Questa sostanzialmente è stata l’evoluzione del 21enne Masina nell’ultimo anno. Sarà il fatto di essere sempre sorridente, sarà la sua disponibilità verso i sostenitori per fotografie o qualche chiacchiera, sta di fatto che Masina è diventato in meno di un anno uno degli idoli dei tifosi, tant’è che in molti lo stanno già sponsorizzano come possibile capitano per la prossima stagione. E non sarebbe neppure una scelta così azzardata, dato che la prima maglia rossoblù l’ha indossata ai tempi degli esordienti, a soli 13 anni. Senza contare che lui in provincia di Bologna ci ha vissuto da sempre, precisamente a Galliera in cui è arrivato a soltanto due mesi di vita, dopo essere stato adottato da una famiglia di lì. Quindi Bologna ce l’ha impressa nel sangue, anche se come anticipato l’esperienza rossoblù non è stata tutta rosa e fiori. Adam infatti, dopo essere rientrato dal prestito in Lega Pro alla Giacomense (fondamentale per lui, in quanto durante questa esperienza divenne terzino abbandonando il ruolo di prima punta) faticò a trovare spazio al Bologna facendo tanta tribuna, tant’è che stava già pensando a cercare un lavoro e una squadra dilettanti. Poi la svolta nella stagione appena terminata. A causa dell’infortunio patito da Morleo il giovane trova più spazio toccando quota 28 presenze, condite da 3 reti. Una grande stagione da protagonista per lui e Corvino decide di fargli firmare un nuovo contatto da 250mila euro a settimana fino a giugno 2019.

In questi giorni si parla di un interessamento dell’Inter per il giocatore, che piace molto a Roberto Mancini. La società però è stata chiara, non ha intenzione di privarsi del giocatore, il quale, supportato dalla famiglia, ha dichiarato di non avere alcuna intenzione di muoversi dal Bologna, tranquillizzando di fatto i tifosi.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy