Malesani: “Che ricordi a Bologna! La salvezza del 2010? Una sola parola: impresa”

Malesani: “Che ricordi a Bologna! La salvezza del 2010? Una sola parola: impresa”

Malesani racconta il suo Bologna sulla Gazzetta dello Sport

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Sulla Gazzetta dello Sport in edicola oggi, l’ex allenatore rossoblù Alberto Malesani ha rilasciato una lunga intervista in cui si è occupato anche del suo passato sotto le due Torri.

Queste le sue emozioni: “In una parola, impresa. C’erano grossi problemi societari e una volta di più ho avuto conferma che i tanto vituperati calciatori sono la parte più buona del calcio. Sette-otto mesi senza stipendio, eppure tirarono dritto, con serietà. Il finale con tante sconfitte? Sembravano partite regalate, ma era solo uno spegnimento della luce dopo mesi difficilissimi vissuti col piede sull’acceleratore e con la salvezza già in tasca. Ricordo ancora tutti e Gianni Morandi: era lì, viveva la situazione, ci dava una mano, che bellezza”.

Ancora Malesani: Il Bologna di oggi? Ha un presidente importante, Saputo, sento dire che la squadra non ha ancora fatto il salto di qualità ma ci vuole tempo, nel calcio uno più uno non sempre fa due. Questo Bologna ha giovani ed è destinato a crescere, stile Fiorentina. Inzaghi? Come da giocatore: adrenalinico, concreto, ovvio che debba maturare ma è sempre arrivato all’obiettivo e ci arriverà anche stavolta. Pronostico di Bologna-Fiorentina? Direi pareggio”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy