Malagò al QS: “Domani sera deve essere una festa di calcio”

Malagò al QS: “Domani sera deve essere una festa di calcio”

In un’intervista al Resto del Carlino, il presidente del Coni ha dichiarato tutta la vicinanza dello sport italiano al popolo francese e come la partita con la Romania dovrà essere una festa per tutti i tifosi presenti a Bologna.

Le partite della Nazionale sono viste sempre come un momento di festa, nel quale il Paese si ferma dalle attività quotidiane per tifare gli Azzurri. Si risvegliano il senso di orgoglio e la voglia di unirsi attorno ad un’unica bandiera, quella tricolore. Dovrebbe essere così anche domani sera, nonostante che la paura e il dolore siano gli stati d’animo più diffusi dopo i terribili attentati che hanno colpito Parigi. La fragilità in questo momento potrebbe spingere le persone a disertare la partita del Dall’Ara e qualsiasi altro tipo di evento. Ma è proprio questo quello che vogliono i terroristi: destabilizzare e sovvertire la quotidianità di ognuno. Inaccettabile per il numero uno del Coni Giovanni Malagò, uno dei primi a manifestare, a nome dello sport italiano, solidarietà alla Francia.

Bisogna assolutamente impedire in questi momenti che la paura prenda il sopravvento. I criminali che hanno compiuto questi atti vogliono cambiare le nostre abitudini, vogliono sovvertire il nostro modo di vivere. Un modo di vivere fatto anche dalla frequentazione degli eventi sportivi a qualsiasi livello, nello specifico un’amichevole di calcio. Domani sera dovrà essere una festa, perché noi del mondo dello sport dobbiamo impedire che vincano certi ragionamenti, nessuno deve nascondersi“.

Malagò non sarà presente al Dall’Ara, a causa di impegni istituzionali già fissati da tempo, ma dice: “Sono vicino alla Nazionale, ai giocatori, ai tifosi e a tutti coloro che saranno presenti alla partita di domani sera. Spero che sia un’opportunità per dimostrare qualcosa di positivo, trasformando un episodio negativo in un piccolo valore aggiunto”. 

Il presidente del Coni promette infine un sostegno nei confronti dello sport e del paese francese: “Al vertice di Praga incontrerò il capo della delegazione di Parigi 2024, Dennis Massegia: sarà l’occasione giusta per dare una testimonianza simbolica diretta al mio collega“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy