Donadoni: “La motivazione da qui alla fine sarà cruciale. Destro? Avrà le sue chance”

Donadoni: “La motivazione da qui alla fine sarà cruciale. Destro? Avrà le sue chance”

La conferenza del tecnico rossoblù alla vigilia di Crotone-Bologna
di Pierludovico Rossi

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

CROTONE

Dopo due pareggi consecutivi contro le romane, il Bologna di Roberto Donadoni proverà a tornare alla vittoria nella trasferta di Crotone contro una squadra in piena lotta salvezza ma anche priva di due o tre elementi titolari. Il pensiero del tecnico alla vigilia della sfida

Domani troveremo un ambiente molto carico, determinato e noi dovremo essere bravi a interpretare la spinta del pubblico a nostro vantaggio. L’impatto sarà fondamentale, ma senza dimenticarci dell’avversario che sta vivendo una situazione complicata e farà di tutto per vincerla. Tanti indisponibili in casa Crotone? Si, ma vorrà dire che c’è la possibilità per altri di mettersi in luce, non dobbiamo partire pensando che se mancano giocatori forti allora sarà più facile per noi. Zenga? Ha allenato in giro per il mondo e ha molta voglia di fare l’allenatore. Ci conosciamo dall’ Under 21 e abbiamo giocato insieme anche in Nazionale. Siamo due vecchi amici che cercheranno di superare l’altro. Quando io giocavo al Milan e lui all’Inter, la rivalità non mi è mai importata sinceramente: io guardavo molto in casa mia senza curarmi dell’Inter.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gging - 6 mesi fa

    Donadoni dovrebbe capire che a salvezza ormai raggiunta (3-4 punti da qui alla fine si faranno comunque) per una società come il Bologna non ha senso far giocare giocatori come Palacio, Torosidis e Dzemaili per lasciare in panca giovani da valorizzare e che hanno bisogno di giocare come Mbaye, Nagy e Donsah . Poi c’è Destro che è l’attaccante della rosa del Bologna che da quando gioca in serie A ha una media di 1 rete ogni 3 partite giocate , media largamente superiore a tutti gli altri componenti della rosa e quindi il Bologna non può permettersi di lasciarlo in panchina perdendo oltretutto valore di mercato . La società dovrebbe richiamare Donadoni e fargli presente che da ora in poi i suoi vecchi li deve tenere in panca pronti a subentrare e giocare gli ultimi 20 minuti. (tanto quando li fa partire dopo 20-30 minuti sono zombi che vagano per il campo inutilmente) .
    Forza Bologna !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy