Katia Serra: “Con Destro serve attaccare le corsie esterne”

Katia Serra: “Con Destro serve attaccare le corsie esterne”

Stimata opinionista di mamma Rai, ex giocatrice di calcio con diverse presenze e gol in nazionale, Katia Serra, da Anzola Emilia, è una profonda conoscitrice di calcio, forte anche di diversi corsi superati a Coverciano. Intervistata da Repubblica, la nota opinionista ha fatto il punto della situazione dopo le prime due partite di campionato: “Ci sono stati progressi rispetto alla gara di Roma – ha ammesso la Serra – però ci andrei ancora cauta. Il Bologna resta una squadra che deve salvarsi, magari prima che può”. Cosa non le è piaciuto di queste prime due gare: “Con uno come Destro devi giocare diversamente, ha fatto una buona gara ma ha bisogno delle corsie esterne per poterlo portare dentro l’area. Ad esempio, Falco ha fatto una buona gara ma penso sia più utile farlo entrare a partita in corso, con i suoi dribbling può creare superiorità”. Che modulo si aspetta quindi? “Penso che il ventaglio a disposizione di Rossi sia più ampio di un solo modulo, penso però che il 4-3-3 esalti meglio Destro. Magari il più sacrificato diventerà Brienza, ma a 37 anni non può essere il titolare imprescindibile”. Interessanti anche i giovani di colore del Bologna, Donsah e Diawara: “Donsah è forte fisicamente, ha qualità importanti e recupera bene la posizione. Diawara è un giocatore ancora in fase di costruzione e da definire come ruolo”. Sulle strategie di mercato, cioè la costruzione di una rosa nuova e giovane a dispetto di quella dell’anno scorso, Katia Serra risponde così: “Mi piace l’idea di rosa futuribili, non avrei però fatto contratti così lunghi che potrebbero incidere sui bilanci. Forse si poteva spendere un po’ meno anche se i soldi ci sono. Diciamo che avrei tenuto Matuzalem e Casarini, sperando che rimanga Zuculini. Giusto invece puntare su Falco che è più futuribile di Sansone, per me adatto alla Serie B”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy