Inter – Bologna in ricordo di Arpad Weisz

Inter – Bologna in ricordo di Arpad Weisz

La partita di calcio per i quarti di finale di Coppa Italia sarà giocata in memoria dell’allenatore ungherese di religione ebrea deportato ad Auschwitz, dopo aver guidato le due squadre a grandi successi. Una partita contro il razzismo e l’ intolleranza. E’ quella che si disputerà martedì 15 gennaio a Milano per i quarti di finale di Coppa Italia. I giocatori dei due club, Inter e Bologna, scenderanno in campo indossando una maglietta con la scritta «No al razzismo» e la foto di Arpad Weisz, brillante allenatore per anni dimenticato, vittima delle persecuzioni naziste contro gli ebrei. Weisz fu prima espulso dall’Italia e poi deportato nel campo di sterminio di Auschwitz.

L’iniziativa è partita dal movimento «W il calcio» ed è stata accolta dalle due società sportive, Inter e Bologna e dai sindaci della due città, Giuliano Pisapia e Virginio Merola, che prima del match ricorderanno lo storico commissario tecnico scambiandosi le maglie delle rispettive squadre cittadine, che riporterà il nome di Weisz.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy