In ritiro a Castelrotto tra coprifuoco e partite a carte

In ritiro a Castelrotto tra coprifuoco e partite a carte

La prima settimana di ritiro è andata. Si lavora molto specialmente a livello fisico per riprendere la condizione dopo il break estivo post promozione. Come riporta il Resto del Carlino, la giornata per la squadra inizia sempre alle 7:30 e dopo la colazione tutti subito in campo. Palestra e corsa nei boschi di 6 chilometri alla volta e ripetute da 800 metri. Due sessioni di allenamento dalle 9:30 alle 11:30 e dalle 17:30 alle 19:30. Alcolici vietati e dieta impostata su 5 pasti da rispettare. Si lavora duramente quindi, unico momento di relax con la passeggiata post-cena delle 20:30 prima del coprifuoco fissato alle 21:45. Nel tempo libero: partite a carte e cellulare. A dare il buon esempio è stato proprio Rossi, che in questa settimana dopo la cena è sempre rientrato in camera senza farsi vedere in giro per la città. Semplici regole che nessuno al momento ha deciso di infrangere. Insomma un Rossi che ha scelto un approccio che per alcuni versi potrebbe ricordare un po’ Capello, senza tuttavia esasperare le regole imposte (come dimenticare i 10 comandamenti imposti dal tecnico friulano quando era alla guida dell’Inghilterra) e concedendo qualche evasione dalla routine, come appunto nella giornata di ieri lasciata libera ai giocatori. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy