Il Resto del Carlino: Oikonomou, una scommessa persa

Il Resto del Carlino: Oikonomou, una scommessa persa

Il greco doveva essere uno dei punti fermi della difesa ma, fin qui, la scommessa sembra persa

Doveva essere la sua stagione.

Nelle previsioni estive del Bologna, Marios Oikonomou rappresentava uno principali talenti in rampa di lancio pronto per la consacrazione. Tanto che, quando la Samp bussò alla porta per provare a intavolare una trattativa, la dirigenza non aprì.

Come scrive il Resto del Carlino, ora, sei mesi dopo, la scommessa sembra persa. Oikonomou è in crisi, di prestazioni e fiducia e pensa a un futuro lontano dalle Due Torri per rilanciarsi.  Ci sta di sbagliare una partita, a maggior ragione a cospetto dei Campioni d’Italia, ma analizzando le cifre della prima metà dell’annata di Oikonomou, si scopre che la crisi è profonda.

La sliding door che ha svoltato in negativo la sua stagione è probabilmente la gara di Roma contro la Lazio: Oikonomou entrò a 7 minuti dal novantesimo al posto di un Helander in ginocchio per via dei crampi. C’era da blindare una vittoria che avrebbe potuto proiettare il Bologna nei quartieri alti, ma il greco e Masina, al sesto minuto di recupero, non spazzarono una palla in mischia che portò al tuffo e al rigore di Wallace.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy