I giovani chiamati alla maturità, il rodaggio è finito

I giovani chiamati alla maturità, il rodaggio è finito

E’ lunga la lista di giovani rossoblù reduce da un anno di apprendistato ma chiamati a consacrarsi in Serie A.

Una rosa giovane, costruita da Corvino per porre importanti basi per il futuro e non solo nell’immediato. Ecco allora che tutti i giocatori nati negli anni novanta saranno chiamati ad un netto salto di qualità. Come riporta il Carlino, si parte da Krafth, fermato dagli infortuni, da Ferrari e Oikonomou, alle prese con l’inesperienza, per concludere con Rizzo, Donsah e Pulgar di cui ancora non si conoscono a pieno le potenzialità.

A far da chioccia un finto vecchio, Saphir Taider, ancora classe 1992 e nel pieno della maturità fisica. Il mediano algerino è cambiato molto tatticamente rispetto alla sua prima esperienza a Bologna, allora era più dinamico, più sprovveduto negli schemi, ora è riflessivo, duttile, fondamentale per gli equilibri di squadra nonostante qualche prestazione sottotono. Chissà però che disputando un ritiro intero con la squadra la sua condizione non possa essere diversa e più brillante. Lo spera anche Donadoni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy