Giordano: “La società è al fianco dell’allenatore sulla decisione di andare in ritiro”

Giordano: “La società è al fianco dell’allenatore sulla decisione di andare in ritiro”

Le parole di Marcello Giordano a Radio 1909

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Appuntamento del martedì con Marcello Giordano su Radio1909.it con la trasmissione ‘Tutti al mercato’. Ecco uno stralcio delle sue parole dopo la sconfitta di Crotone:

La sconfitta di Crotone ha portato a conseguenze non secondarie – ha affermato – La società è intervenuta in maniera pesante e infatti si è arrivati alla decisione di portare la squadra in ritiro. La dirigenza è entrata ieri mattina a fianco dell’allenatore in spogliatoio per una lavata di capo ai giocatori. Sono arrivati messaggi forti, chiari. La squadra è stata messa di fronte alle proprie responsabilità, in sostanza i colpevoli della sconfitta sono i calciatori. Non a caso alcuni senatori hanno cercato di sollevare il tecnico da alcune critiche. Bigon, stando ai retroscena, è stato molto chiaro: basta chiacchiere, adesso dovete metterci qualcosa in più e cambiare atteggiamento. Il pregresso di questa situazione nasce dopo la sconfitta contro l’Atalanta, quando il mister chiese di andare in ritiro ma la società diede credito alla squadra che infatti ha raggiunto due pareggi con Lazio e Roma. Poi Crotone, una prestazione che è stata vista come un tradimento verso la fiducia che il club aveva concesso ai giocatori”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cicciosirio - 6 mesi fa

    Complimenti ai sigg. Fenucci, Bigon e Donadoni, veri esperti dell’arte dello scarica barile.
    AD (Fenucci): si sta arrampicando sugli specchi, sa benissimo che sia Bigon che Donadoni li ha scelti e consigliati lui a Saputo.
    DS (Bigon) : non ne imbrocca una da anni, Verdi è stato un caso.
    CT (Donadoni) : non ha mai vinto nulla (tantissimi esoneri) grande calciatore, discreto selezionatore della nazionale, veramente scarso come allenatore, schemi oramai superati, è esplosa la sua permalosità alle stelle con i giocatori, a parte i pochi senatori. Tre anni senza calcio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy