Fuochi: “Floccari al posto di Destro”

Fuochi: “Floccari al posto di Destro”

Le considerazioni di Walter Fuochi sul Bologna

Da Repubblica.it, Walter Fuochi, rilascia le sue impressioni sulla partita di ieri sera Bayern – Juventus a Quasi Gol: “Per 70 minuti una Juventus bella, per gli altri 50 minuti abbastanza brutta, a suo discapito ha influito la mancanza dei tre migliori in campo. C’è stato un lato oscuro della partita, il finale è stato molto sofferto, 4 gol in mezz’ora dimostrano che la squadra si era dissolta, sicuramente è subentrata anche una componente psicologica. Credo che ieri sera non si sia che potuto ammirare un Juventus bellissima, è stata una partita divisa in due. Lo scorso anno la Juventus fu la seconda squadra d’Europa, quindi la Juve se la gioca a differenza delle altre squadre. La Juventus c’entra poco con i calcio italiano in questo momento”.

Si passa al Bologna. Su Destro: “E’ il giocatore del Bologna che fa gol, quindi se non ce l’hai è un deficit. Per la sostituzione bisogna rimescolare le carte e cambiare ruolo a due o tre persone senza scombussolare troppo la squadra, io credo che la strada maestra sia quella di sostituire Destro con Floccari”.

A fronte della trasferta a Bergamo: “Il Bologna in questo momento non sembra motivatissimo, a maggior ragione con la perdita di Destro, ma sono partite in cui la squadra disperata punta tutto”.

Alcune considerazioni sul futuro dei giocatori: “Destro è stato pagato molto dal Bologna, io credo che varrà la pena insistere, è sufficientemente giovane ed è soprattutto un giocatore dotato, io pazienterei. Masina può esplodere, a Bologna bisogna essere più fiduciosi, a mio parere è un giocatore con grandi possibilità, inoltre insisterei con Diawara e Donsah, ma bisogna dargli tempo”.

Sulla questione della permanenza di Donadoni: “Sicuramente Saputo gli espliciterà il desiderio di rivederlo alla guida del Bologna, e credo che Donadoni vorrà rimanere. Se ci saranno dei dubbi, Saputo si metterà subito alla ricerca. Ma credo che la situazione si risolverà con la permanenza a Bologna di Donadoni. Per quanto riguarda Corvino, sta bene dov’è, solo che occupa un posto che piace a molti e quindi avanzano candidature, ci sono tantissimi pontieri che manovrano per situazioni diverse. Ma credo che per il buon lavoro fatto rimarrà anche lui”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy