F1, la Mercedes attacca: “Una spia in favore di Maranello”

F1, la Mercedes attacca: “Una spia in favore di Maranello”

Rubati dati alla Mercedes: nuovo scandalo nel mondo della F1 o soltanto accuse infondate?

Nuova spy story in vista nella Formula 1? Dopo quella che coinvolse la Mclaren nel 2007 – ai danni della Ferrari – stavolta è la casa dominatrice del mondiale a denunciare una spia che avrebbe sottratto dati segreti. E’ la Mercedes a lanciare la bomba, proprio contro la Ferrari. La casa tedesca sostiene che uno dei suoi tecnici motoristi (tale Benjamin Hoyle), specialista dell’analisi dei dati, avrebbe sottratto informazioni segrete per poi cederle sul mercato ad un’altra scuderia. Hoyle si è licenziato la scorsa primavera dalla Mercedes e avrebbe ‘rubato’ i dati per fornirli al suo nuovo datore di lavoro: secondo la Mercedes si tratterebbe proprio della Ferrari. Da Maranello ovviamente smentiscono tutto, soprattutto di aver assunto tale Hoyle.

La Mercedes ha chiesto al giudice di bloccare il passaggio in rosso di Hoyle, ma tale spostamento non sarebbe previsto. Probabilmente Hoyle si è proposto a diverse scuderie, ma nulla più. Appare poi strano che Hoyle, secondo l’accusa, abbia sottratto dati Mercedes relativi ad un gran premio che la monoposto argento avrebbe sonoramente perso. Si parla infatti del Gp di Ungheria che venne vinto proprio dalla Ferrari. Inoltre, se Hoyle si è licenziato a maggio risulta difficile pensare che in estate fosse ancora autorizzato ad accedere a determinati dati.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy