ESCLUSIVA TBW – Tarozzi: “Sassuolo favorito, entrambe in Europa nei prossimi anni? Perché no”

ESCLUSIVA TBW – Tarozzi: “Sassuolo favorito, entrambe in Europa nei prossimi anni? Perché no”

Intervista esclusiva al vice allenatore della Virtus Lanciano, Andrea Tarozzi, con un passato da difensore del Bologna e del Sassuolo.

Di Francesco Bocchini.

Tuttobolognaweb ha intercettato in esclusiva l’ex difensore rossoblù Andrea Tarozzi, attuale vice allenatore della Virtus Lanciano e con un passato al Sassuolo. Al mister abbiamo chiesto un parere sul match di domenica fra la formazione di Di Francesco e quella di Donadoni e un pensiero su entrambe le società.

Salve Sign. Tarozzi, un commento sul match del Mapei Stadium? In che condizioni ci arrivano le due squadre?

Sono entrambe in salute e protagoniste di un buonissimo campionato. Il Sassuolo sta avendo continuità di risultati e di rendimento. Il Bologna invece, dopo una brutta partenza, ha trovato una discreta organizzazione di gioco. Sarà una partita equilibrata ed aperta, anche se i padroni di casa partono con il favore del pronostico“.

Domenica non sarà una gara come tutte le altre per i due ex, Laribi e Floccari. Come li vede?

“Due giocatori importanti. Laribi, che ho conosciuto quando ero a Sassuolo, viene da una stagione strepitosa sotto le Due Torri, mentre quest’anno non sta trovando molto spazio – commenta Tarozzi -. Floccari, pur non avendo mai avuto un minutaggio alto, non ha fatto male e arriva a Bologna con tanta voglia di dare una mano alla squadra. E’ stato preso per essere un’alternativa a Destro, ma a partita in corso i due possono anche giocare assieme”.

Rossoblù e neroverdi hanno società solide e presidenti con tante idee in mente. Cosa ne pensa?

“Sono due percorsi diversi. Il Sassuolo sta programmando da diverso tempo, fin dai tempi della C2. La società è solida e non ha mai fatto il passo più lungo della gamba, pur restando molto ambiziosa e in continua crescita. Il Bologna ha un passato glorioso alle spalle e con Saputo sta trovando la giusta via. I due progetti sono entrambi importanti, sia sportivamente che economicamente parlando”. 

Pura utopia pensare fra qualche anno i due club in Europa?

“Assolutamente no. Le ambizioni e le potenzialità ci sono per raggiungere questo obiettivo – continua Tarozzi -. L’organizzazione di entrambe fa pensare che in futuro possano giocarsela a viso aperto con le big della serie A e lottare per le posizioni che contano”. 

Da ex difensore, come giudica il reparto arretrato rossoblù? Serve un rinforzo in questa sessione di mercato?

“Il Bologna ha un ‘ottima difesa, potendo contare su giovani interessanti come Ferrari e Masina e su un giocatore di grande spessore come Rossettini, col quale sono stato compagno a Padova. Sicuramente se una squadra vuole essere competitiva deve avere due potenziali titolari per ruolo, perché i ricambi sono fondamentali”. 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy