ESCLUSIVA TBW – Sonetti: «Contro l’Atalanta gara combattuta. Su Donadoni…»

ESCLUSIVA TBW – Sonetti: «Contro l’Atalanta gara combattuta. Su Donadoni…»

Intercettato in esclusiva dalla redazione di Tuttobolognaweb, il tecnico di Piombino, che in passato ha allenato sia l’Atalanta che il Bologna, ha parlato della gara di domenica: «La Dea ha sbagliato a lasciar andare Moralez. Il Bologna? Si riprenderà».

di Marco Guerra

Domenica il Bologna farà visita all’Atalanta. La redazione di Tuttobolognaweb ha raggiunto in esclusiva il tecnico toscano Nedo Sonetti, che ha allenato la Dea dal 1983 al 1987 e i rossoblù nella stagione 1990-1991.

Mister domenica si gioca Atalanta-Bologna. Che partita si aspetta?

«È una partita delicata soprattutto per l’Atalanta. Il Bologna sta facendo bene, ha trovato un assetto importante. Escludendo l’ultima gara contro l’Inter i rossoblù stanno ottenendo grandi risultati. L’Atalanta invece sta soffrendo in questo particolare momento e la situazione di classifica non è più tranquilla come lo era fino a qualche settimana fa. I bergamaschi hanno sicuramente i mezzi per uscire da questa crisi di risultati, però dal punto di vista psicologico non è certo un momento facile per loro. Domenica mi aspetto una partita combattuta».

Un errore le cessioni di Denis, Grassi e Maxi Moralez nell’ultima sessione di mercato?

«Io credo che più di Denis e Grassi abbia influito la cessione di Moralez. Maxi era un giocatore importante per l’Atalanta. Era determinante soprattutto sulle fasce, riusciva a rifinire l’azione e a concludere. La sua mancanza certamente si sente».

Il Bologna è già salvo da tempo. I rossoblù hanno staccato la spina?

«A 9-10 partite dalla fine del campionato non ci si può sentire salvi. Il Bologna sta attraversando un momento di appannamento, sono sicuro che presto rivedremo la squadra brillante che abbiamo visto negli ultimi mesi».

Proprio all’Atalanta lei ha allenato Donadoni.

«Roberto aveva potenzialità incredibili e infatti poi quando è andato al Milan ha dimostrato di essere un grande giocatore. Sono contento che Donadoni si stia togliendo delle belle soddisfazioni a Bologna. Gli auguro il  meglio per il futuro».

Futuro di Donadoni: Bologna, Milan o Nazionale?

«Se ci sono delle opportunità sicuramente Roberto le saprà sfruttare. Questo però non vuol dire necessariamente andar via da Bologna. Se Saputo decidesse di alzare l’asticella restare in Emilia sarebbe una grande chance, così come potrebbero esserlo il Milan o addirittura la Nazionale».

Giaccherini le ricorda Donadoni?

«Giaccherini è un ottimo esterno, sta facendo molto bene in rossoblù. Donadoni però era un giocatore diverso. Roberto riusciva a stravolgere le partite grazie alla sua tecnica, era un giocatore superiore a Giaccherini».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy