È un Bologna made in Italy: contro il Genoa in campo con 10 italiani su 11

È un Bologna made in Italy: contro il Genoa in campo con 10 italiani su 11

I club di serie A puntano forte su giocatori provenienti dall’estero ma il Bologna cerca di adottare una condotta rivolta a valorizzare i talenti italiani. Da ‘Stadio’.

In un campionato che punta sempre più sui giocatori stranieri il Bologna è una felice eccezione: Donadoni nell’ultimo turno ha messo in campo una formazione composta da 10 italiani su 11, la percentuale più alta fra tutte le squadre nell’ultima giornata. La squalifica di Diawara e l’acciacco di Mbaye hanno spinto i rossoblu in cima a questa statistica ma è evidente che allenatore e società puntino a valorizzare i calciatori italiani a differenza di molti altri club. Al polo opposto infatti salta agli occhi la sfida andata in scena sabato sera fra Inter e Udinese dove tra i titolari non era presente nemmeno un giocatore italiano in nessuna delle due compagini. La tendenza all’esterofilia è sempre più intensa, come riporta ‘Stadio‘, in serie A solo il 40,9% dei calciatori sono di nazionalità italiana. Se fino a 15 anni fa si andava a pescare all’estero per prendere giocatori del calibro di Batistuta, Shevchenko e Zidane, oggi si punta spesso su calciatori stranieri di mediocre livello piuttosto che dare spazio ai talenti nostrani. Questa negativa tendenza ha portato la nazionale italiana al declino degli ultimi anni con giocatori sempre più inesperti e non abituati ai grandi palcoscenici. Il Bologna in tutto questo cerca di adottare una politica rivolta alla valorizzazione dei talenti italiani. Esempi di questa linea d’azione sono gli esordi in serie A di Ferrari e Masina, i due difensori provengono dalla primavera rossoblu e hanno già trovato spazio anche nell’Under 21 azzurra. Altri due club emiliani che sposano questa strategia sono Sassuolo e Carpi: entrambi scesi in campo con 9 italiani su 11 nell’ultima gara disputata.

Per il club rossoblu resta forse da ringiovanire una rosa che domenica scorsa ha fatto registrare un’età media di 30,3 anni, il dato più alto del campionato che però è chiaramente ‘falsato’ dalle assenze di Diawara, Donsah e Mbaye.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy