Donsah: “Non ho sentito mio padre per 5 anni”

Donsah: “Non ho sentito mio padre per 5 anni”

Storia piena di umanità quella della famiglia Donsah, migranti, poveri, senza cibo e acqua, in cerca di fortuna in Italia. Come tanti, il padre di famiglia ha cercato di soddisfare i bisogni dei propri familiari, non potendo farlo in Ghana ha tentato la carta italiana. Non c’era altra soluzione per poter dare cibo e sussistenza ai propri cari. A raccontarlo è il figlio Godfred, talento in erba del Bologna: “Mio padre è stato migrante, ha dovuto camminare per una settimana nel deserto – ha raccontato Donsah a Gazzetta – salpato dalla Libia con altri ventidue su una barchetta. In Ghana non riusciva più a garantire cibo e scuola per noi, ci ha provato lavorando nelle piantagioni ma è molto pericoloso”. Donsah poi ha sottolineato come non abbia potuto sentire il padre per cinque anni: “Sono stato anni senza sentirlo, poi finalmente sono arrivato in Italia, al primo allenamento al Verona con Toni lo guardavo stupefatto, non credevo di esserlì. Ora al Bologna sto benissimo, è tutto perfetto, finito con il calcio andrò in Inghilterra per completare gli studi”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy