Donadoni vince il premio Facchetti: “Parma? Scappare sarebbe stato da vigliacchi”

Donadoni vince il premio Facchetti: “Parma? Scappare sarebbe stato da vigliacchi”

Ha ritirato questa mattina a Milano il Premio Giacinto Facchetti ‘Il bello dello sport’. Roberto Donadoni e la sua esperienza a Parma hanno insegnato a tanti come si può continuare a lavorare nelle difficoltà, con dignità, professionalità, senza scappare. Ecco le parole del tecnico subito dopo aver ricevuto il premio indetto da Gazzetta dello Sport: “Tutte le esperienze arricchiscono, io ho preso le cose positive. Questo premio l’ho ricevuto io ma va a tutto il popolo ombra di Parma, tutte quelle che persone che hanno lavorato e sono rimasti. Questi valori non dipendono da noi ma dai nostri genitori”.

Ancora sulla sua esperienza nel capoluogo ducale: “La stagione è stata problematica, l’aspetto tecnico è passato in secondo piano e lo staff, i giocatori e i dipendenti del Parma devono essere orgogliosi. La cosa più facile sarebbe stata quella di scappare il più in fretta possibile, risultando però vigliacchi”.

Un breve commento sulla sua esperienza a Bologna: “Ho portato me stesso e tutto quello che ho vissuto. In queste situazioni bisogna subentrare con tranquillità. Sappiamo che il nostro non è un cammino semplice e abbiamo fatto solo due partite. Ci sarà ancora tanto da soffrire ma l’obiettivo è alla nostra portata”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy