Donadoni, primi esperimenti di difesa a tre

Donadoni, primi esperimenti di difesa a tre

di Amos Segal

Donadoni e la difesa a tre, potremmo avvicinarci a piccoli passi. Si pensava che con la sosta a disposizione il mister avrebbe potuto tentare di cambiare l’assetto difensivo, e qualcosina di diverso, dopo una settimana di allenamenti, si è vista.

Con Destro assente e in forte dubbio, Ferrari, Masina e Giaccherini in nazionale, Roberto Donadoni nella partitella odierna ha schierato due formazioni undici contro undici, una di queste con la difesa a tre. Da una parte, Mirante, Morleo, Oikonomou, Rossettini e Ceccarelli in difesa, Rizzo, Pulgar, Brighi e Pulzetti in mediana, Falco con Acquafresca di punta. Dall’altra, la linea difensiva era composta da Mbaye, Gastaldello e Maietta, attacco con Brienza, in posizione più arretrata, Mounier e Mancosu. Per la cronaca, sia Acquafresca che Mancosu sono andati in rete.

Per quanto riguarda Destro, diventa complicato vederlo in campo sabato. Oggi non si è allenato, non si è visto nemmeno a bordo campo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy