Donadoni non cambia: si continua col 4-3-3

Donadoni non cambia: si continua col 4-3-3

Nonostante la sosta per le Nazionali, l’allenatore ex Parma punta ancora sullo schema che era di Delio Rossi: il passaggio al 3-5-2 è (per ora) rinviato.

Il cambio di modulo, per ora, è un’idea da riporre in soffitta, da rispolverare magari più avanti. Nonostante le due settimane di sosta, anche nell’ultimo allenamento Donadoni ha insistito col 4-3-3 di marca “rossiana”, che gli ha permesso di fare bottino pieno nelle due partite vissute sulla panchina rossoblù. Sarà che mancano tanti giocatori, causa impegni con le Nazionali e infortuni, sarà che il mister felsineo non reputa ancora pronta la propria squadra, sta di fatto che per ora non si cambia.

Così, quelli che inizialmente erano solo esperimenti, sono diventate certezze: Brienza regista e Rossettini esterno destro non si toccano. Ieri entrambi erano al loro posto, in campo insieme ai vari Mounier e Mancosu (questi due a segno nella partitella di 45 minuti, finita 3 a 1 per i gialli). L’attaccante ex Trapani si candida ad una maglia da titolare per la sfida con la Roma, in caso di indisponibilità di Destro.

Da segnalare il reintegro di Ceccarelli e Pulzetti, provati nell’inedito ruolo di centrali difensivi, causa anche l’infortunio di Oikonomou, e gli acciacchi di Pulgar e Acquafresca, che comunque non preoccupano.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy