Donadoni e lo sprint di Natale

Donadoni e lo sprint di Natale

Ultimo mese prima della sosta, gennaio non è poi così lontano. Ecco allora che Donadoni e il Bologna sono chiamati all’ultimo sprint, all’ultimo scatto sui pedali prima di andare meritatamente al riposo. Occorre però farlo da salvi per trascorrere vacanze tranquille, ma il calendario non aiuta particolarmente. Dopo la Roma, partita pareggiata e che si poteva pure vincere, i rossoblù andranno all’Olimpico di Torino per affrontare una squadra comunque ostica, soprattutto tra le mura amiche.

Da notare, prima di Torino, che quando Donadoni si è seduto sulla panca del Bologna la squadra navigava malinconicamente al terzultimo posto con 6 punti, uno in più di Carpi e Verona ma a 4 lunghezze di distanza dalla salvezza. Pensate invece che ora i rossoblù hanno 2 punti di vantaggio sul Frosinone e 7 su Carpi e Verona. Dimezzato il distacco pure dall’Atalanta, da 11 a 5, dal Chievo, da 6 a 3 e dall’Udinese, da 5 a 2.

Ora sotto dunque con l’ultimo sforzo, Torino fuori, Napoli in casa, poi Genoa ed Empoli. Difficili le prime due, più abbordabili le altre, anche se, come ha dimostrato l’Empoli a Firenze, di facile non c’è nulla. Ma il Bologna di Donadoni è altra cosa rispetto a prima, non aver più paura di nessuno è lecito. Fondamentale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy