Donadoni e i tanti dubbi. C’è un Bologna da ridisegnare

Donadoni e i tanti dubbi. C’è un Bologna da ridisegnare

Viste le numerose ed importanti assenze, Donadoni è chiamato a ridisegnare la squadra. Tanti i ballottaggi in difesa

Sono ripresi questa mattina alle 11 gli allenamenti del Bologna FC in vista dell’incontro di domenica pomeriggio con il Palermo.

A Casteldebole oggi doppio turno di allenamenti. Come riporta il Resto Del Carlino, Donadoni è chiamato a ridisegnare un Bologna orfano di Di Francesco, Helander, Maietta e Verdi. E con un Mirante sempre in attesa dell’ultima carte per il via libera definitivo.

Diversi i nodi da sciogliere quindi partire dallo schieramento: il tecnico potrebbe tornare al 4-3-3, dando una chance a uno tra Rizzo e Mounier in attacco, al fianco di Krejcì e Destro, oppure insistere con il 4-3-2-1 di Roma, con Dzemaili spostato sulla trequarti, dando spazio a uno tra Viviani e Donsah al fianco di Nagy e Taider. E c’è pure un’ultima opzione: il 4-4-1-1, con Rizzo e Krejcì esterni, Nagy (o Viviani) e Taider in mediana e Dzemaili alle spalle di Destro.

Oltre ai dai moduli sono tanti i ballottaggi in difesa. C’è da individuare infatti il centrale che sarà al fianco del rientrante Gastaldello: data l’indisponibilità di Helander e Maietta, sarà uno tra Oikonomou e Ferrari. Sulle fasce sono in tre a giocarsi due posti: Torosidis, impiegabile sia a destra che a sinistra, Masina e Krafth.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy