Donadoni: “Inter? Serve cinismo. Ho parlato con Saputo del futuro”

Donadoni: “Inter? Serve cinismo. Ho parlato con Saputo del futuro”

Alla vigilia del match di San Siro contro i nerazzurri di Mancini, il tecnico del Bologna Roberto Donadoni si è soffermato sulle difficoltà della partita di domani e sulle voci riguardanti il suo futuro.

Ecco le impressioni del mister Roberto Donadoni durante la conferenza di vigilia del match di domani a San Siro contro l’Inter.

CAPITOLO INTER – Sappiamo di andare ad affrontare una grande squadra, che ha ritrovato una certa continuità e che ha obiettivi importanti. La rosa nerazzurra è formata da giocatori top, ma questo deve essere uno stimolo. Dobbiamo far bene in fase di rifinitura e concretizzare le occasioni che ci capiteranno: saranno poche, per questo dobbiamo essere particolarmente cinici. L’Inter ultimamente sta schierando giocatori più qualitativi rispetto al recente passato. I nerazzurri hanno cambiato parecchi elementi, però dobbiamo pensare a noi stessi. Ho giocato in Nazionale con Mancini, abbiamo un buon rapporto. Roberto aveva molto talento, in azzurro ha forse fatto meno di quanto potesse per vari motivi.  Una sorta di derby personale con l’Inter? Anche da calciatore non ho mai vissuto questa partita con la necessità di dover vincere per forza. Ho sempre visto la Beneamata come un avversario qualsiasi”.

PANCHINA AZZURRA E FUTURO – “La Nazionale non sarebbe una rivincita, non ho bisogno di rivincite. Un derby per la panchina dell’Italia con Mancini? Onestamente non c’è nessun derby, del mio futuro stanno parlando solo i giornali. Non c’è bisogno di nessuna scadenza, ho già ripetuto in passato che mi piace rispondere a cose che dico in prima persona. Ad oggi non c’è necessità di alcun chiarimento con la società. Ho sentito recentemente il Presidente e abbiamo discusso della programmazione della nuova stagione. Stiamo già ragionando in funzione del prossimo anno, riguardo ad esempio al ritiro”

CONDIZIONE DELLA SQUADRA – “Abbiamo fatto buone cose in questo periodo e abbiamo creato tanto, non solo grazie al contropiede, come può aver fatto il Carpi domenica scorsa, ma ad azioni manovrate. Dobbiamo finalizzare e su questo possiamo lavorarci. Tante volte ci sono ragazzi che vicino alla porta diventano frenetici, ma il giocatore di classe riesce ad essere freddo. Il centrocampo? I ragazzi stanno facendo bene, ma mi aspetto ancora di più. Sicuramente ho a disposizione alternative valide come Brighi, Pulgar e Crisetig. Mounier è febbricitante da un paio di giorni, difficilmente sarà a disposizione per la partita di domani. Taider? Sta facendo bene, sono convinto che possa fare ancora meglio. È il mediano che ha più dinamismo e inserimento. È un giocatore ha caratteristiche ben precise, quando fa quello che sa fare è positivo per la squadra. A volte però sbaglia un po’ troppo e perde qualche pallone”.

INFERMERIA – “Zuniga non ha ancora i 90 minuti nelle gambe. Il suo processo di crescita dal punto di vista fisico è stato frenato dal grave lutto. Ora sta meglio, sta facendo lavori specifici in palestra per prevenire ricadute. Mi auguro di poterlo schierare quanto prima in campo. È un giocatore che ha un tasso tecnico superiore alla media, la condizione fisica però fa la differenza. Morleo? Preferisco aspettare qualche giorno per averlo pienamente a disposizione più avanti. Spero di poter contare al più presto su Krafth per capire meglio quello che può dare al Bologna. Zuculini è un grande professionista, si allena sempre al meglio”.

OBIETTIVI – “Il nostro obiettivo è quello di fare più punti possibili in queste ultime giornate: dobbiamo crearci una mentalità che vada oltre obiettivi prestabiliti. Dovremo fare ancora tanta fatica, non possiamo distrarci. Io deve pensare a fare crescere questa squadra e preparare i ragazzi anche ai contesti internazionali. Il Bologna come gruppo è pronto per lottare per l’Europa, a livello di singoli probabilmente no”.

DESTRO E GIACK – “Destro e Giaccherini sono due calciatori con qualità importanti. Entrambi devono sentirsi responsabilizzati proprio perché hanno un tasso tecnico elevato. Mattia potrebbe giocare anche in grandissimi club come Real e Bayern, ma alcune volte vivacchia. Mi fa arrabbiare perché ha le potenzialità di fare più gol. Se c’è bisogno lo prendo anche a cazzotti, pur di far uscire la grinta necessaria”.

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy