Donadoni: con Saputo si può aprire un ciclo

Donadoni: con Saputo si può aprire un ciclo

Nessun allenatore del Bologna ha mai avuto un patron dalle idee così chiare per far crescere la squadra rossoblù.

Se Saputo dice una cosa, è quella. L’attuale patron del Bologna ha le potenzialità di costruire un progetto e questo Donadoni lo sa.
Di allenatori bravi, il club rossoblù ne ha avuti ma a nessuno di questi è stato dato in mano strumenti capaci di far crescere veramente la società e la squadra.
Come riporta il Carlino, ripercorrendo il passato della società felsinea, c’è da ricordare il Bologna costruito da Gazzoni e Oriali che diedero in mano al tecnico Ulivieri una squadra capace di risalire dalla serie C: due promozioni di fila e due stagioni in serie A. Quando però arrivo la stella-Baggio, la struttura societaria non resse e Ulivieri abbandonò la barca per approdare a Napoli.
Anche il Bologna di Guidolin, sempre con Gazzoni al vertice, resse per quattro stagioni: ma già nei suoi ultimi giorni da tecnico era evidente che il feeling con la società non poteva garantire le condizioni ideali per crescere insieme.
Andando sempre più indietro, Luigi Radice aveva in Fabbretti un presidente precario e fu costretto a fare le valigie dopo solo una stagione. Ritornò sperando che le cose fossero cambiate ma anche in questo caso solo una stagione in panchina e poi via.
Per un altro Gigi (Maifredi), invece, le cose furono diverse: tre stagioni bellissime ma poi la chiamata della Juventus spezzò il matrimonio con la società.
Ritornando al passato recente, utile fare un richiamo a Stefano Pioli: tutto sembrava andare per il meglio poi però anche in questo caso ci fu rottura con i vertici della società.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy