Sabato arriva la Juventus: per i bianconeri ampio turnover o ancora spazio ai titolari? Nel 2015…

Sabato arriva la Juventus: per i bianconeri ampio turnover o ancora spazio ai titolari? Nel 2015…

Al Dall’Ara l’ultima occasione per battere una big, il Bologna ci prova.

di
Jacopo Biondini

Sabato al Dall’Ara arriva la Juventus fresca vincitrice del sesto scudetto consecutivo e prossima ad affrontare il Real Madrid in finale di Champions League. Per il Bologna sarà l’ultima occasione per fare lo sgambetto a una big, visto che contro le prime tre in classifica i rossoblu fin qui hanno sempre perso subendo diciannove gol in cinque partite e realizzandone soltanto uno, quello di Verdi al San Paolo. Ieri Donadoni e i giocatori in mixed zone erano piuttosto arrabbiati per la sconfitta con il Milan e hanno fatto capire senza mezzi termini che daranno il massimo per chiudere al meglio una stagione deludente e regalare ai tifosi la soddisfazione di battere la capolista in casa.

L’impresa sembra alla portata considerando che la Juventus probabilmente avrà la testa a Cardiff e schiererà diverse riserve. Difficile però capire chi saranno gli undici che metterà in campo Allegri al Dall’Ara. Per farsi un’idea potrebbe essere utile tornare indietro di due anni e analizzare la formazione bianconera scesa in campo il 29 maggio 2015 in un Verona-Juventus. Anche il quel caso si trattava dell’ultima giornata di campionato, la Juventus era già campione d’Italia e una settimana dopo avrebbe affrontato il Barcellona in finale di Champions League. Allegri in quell’occasione optò per un leggero turnover, schierando dal primo minuto quasi tutti i migliori: fra i titolari c’erano infatti Buffon, Bonucci, Evra, Pogba, Pirlo, Marchisio e Tevez che giocarono poi anche la finale di Berlino.

Quest’anno Allegri si trova ad affrontare una situazione simile a quella di due anni fa, a Bologna dovrà scegliere se stravolgere la squadra e far riposare i titolari in vista della finale di Cardiff oppure schierare una formazione più competitiva per permettere ai giocatori di mantenere il ritmo partita. Da non sottovalutare anche il timore per eventuali infortuni.

Le scelte di Allegri non sono ancora chiare, ma la Juventus resta difficile da affrontare anche con le seconde linee: il Bologna dovrà fare una partita perfetta per battere i bianconeri e regalare una grande gioia ai tanti tifosi rossoblu che affolleranno il Dall’Ara.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy