Diawara sarà sacrificato? Donadoni vuole tenerlo ma la società è pronta a valutare le offerte

Diawara sarà sacrificato? Donadoni vuole tenerlo ma la società è pronta a valutare le offerte

Il gioiello del Bologna corteggiato da mezza europa molto probabilmente sarà ceduto per finanziare il mercato in entrata.

Amadou Diawara è il gioiello più brillante di questo Bologna ed è corteggiato da top club europei e italiani. Da alcuni mesi sfilano al Dall’Ara emissari di Bayern Monaco, Chelsea, Borussia Dortmund e Arsenal per visionare il talento guineano. Il primo contatto concreto è stato lo scorso dicembre con i blues di Abramovich, ma la questione non è andata in porto anche perchè il Chelsea dovrà aspettare le direttive del nuovo allenatore Antonio Conte prima di iniziare a operare sul mercato. In Italia si è fatta avanti la Juve con un’offerta da 10 milioni più il prestito di due giocatori della primavera, anche qui per ora nulla di fatto. Il prezzo fissato da Corvino, come riporta Stadio, si aggirava sui 15 milioni di euro ma oggi il Bologna potrebbe accontentarsi anche di una cifra più contenuta: la cessione di Diawara è un sacrificio obbligato per finanziare il mercato in entrata. Sul tema dovranno confrontarsi a breve Fenucci e Donadoni: l’ad ha manifestato più volte la disponibilità della società ad ascoltare eventuali offerte per il giocatore mentre dall’altra parte Donadoni vorrebbe trattenere il talento guineano viste le sue grandissime qualità e gli ampi margini di miglioramento. In caso di cessione è più probabile che il classe 97′ sia venduto all’estero dove ci sono maggiori risorse economiche e i club sono disposti a fare offerte più vantaggiose rispetto alle lunghe e complesse operazioni tipiche del mercato italiano.

Diawara è stato il giocatore più impiegato in questa stagione in cui ha saltato solo tre partite su 37, sempre per squalifica. Il regista guineano si è conquistato il posto a discapito di Crisetig mostrando sempre grande carisma, ottima proprietà tecnica e tenuta fisica. Grazie a queste qualità si è guadagnato le attenzioni dei migliori club europei e potrebbe lasciare Bologna: i dodici minuti di sabato scorso contro il Milan potrebbero essere gli ultimi in maglia rossoblu.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy