Diamanti: “Del mio addio non voglio parlare. Al Dall’Ara sarò emozionato”

Diamanti: “Del mio addio non voglio parlare. Al Dall’Ara sarò emozionato”

Diamanti in conferenza stampa ha parlato inevitabilmente del suo passato rossoblù

La sua ultima partita al Dall’Ara è stata il 1 febbrario 2014.
Il Bologna perse 2-0 contro l’Udinese e da li a pochi giorni Alessandro Diamanti lasciò i rossoblù per approdare in Cina, al Guangzhou. Come si chiede il Resto del Carlino, Fu Diamanti a voler andare via o fu Guaraldi che lo vendette felice di incassare? La querelle non si è mai risolta.

Diamanti, ieri in conferenza stampa, ha voluto tenere i toni bassi e liquidare con una frase l’argomento: “Del mio addio al Bologna s’è parlato tanto: non ho più voglia di fare polemica e aprire questo capitolo”.
A parte l’addio burrascoso, nè il calciatore nè i tifosi rossoblù possono cancellare ciò che è stato. Diamanti è diventato il capitano del Bologna a gennaio 2013, dopo la cessione di Portanova al Genoa. In rossoblù ha totalizzato 22 gol, e altrettanti assist, in 88 partite ufficiali. Diamanti fu anche uno di quelli che nel 2013 si schierò contro l’allora tecnico Pioli, e che, il 26 gennaio 2014, dopo il penalty dell’1-1 trasformato con la Sampdoria a Marassi, fece il gesto della ‘elle’ di ‘looser’, indirizzato forse a Guaraldi o forse a tutti quelli che, sotto le Due Torri, non avevano più in simpatia in lui.

Rispetto al suo passato, Diamanti ha detto: “Io adesso guardo al Palermo, però quella di domenica per me sarà sicuramente una partita speciale. Torno al Dall’Ara dopo tre anni e sarà una gara ricca di emozioni”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy