Destro, prima di lui altri bomber partirono male

Destro, prima di lui altri bomber partirono male

Ampio resoconto sul Resto del Carlino questa mattina sul rendimento di Destro ma anche di altri grandi attaccanti che in maglia rossoblù partirono a rilento. 1996, Kenneth Andersson rimase a bocca asciutta per 8 giornate prima di contribuire alla nona alla vittoria a Reggio Emilia contro la Reggiana, chiuse poi il campionato con 8 reti. Due anni più tardi Beppe Signori, che però segnò sia in Intertoto che in Coppa Uefa, si sbloccò in campionato all’ottava giornata contro la Roma, uno a uno il risultato finale. Non è finita qui, Julio Ricardo Cruz, che per un periodo venne scalzato da Cipriani, nel 2000 dovette attendere la terza prima di segnare, fu il successo 5-1 a Napoli con Coppola in porta. Undici anni dopo, Alino Diamanti gonfiò la rete per la prima volta alla quinta giornata su rigore nella sconfitta per uno a tre contro l’Inter. Tre le giornate di attesa anche per Gilardino, doppietta a Roma rimontando dallo zero a due sotto. Chi invece partì con ben altri bilanci furono Roby Baggio e Marco Di Vaio. Entrambi segnarono all’esordio, il primo contro l’Inter di Ronaldo al Dall’Ara (2-4 il risultato), l’altro a San Siro contro il Milan (1-2) nel giorno di debutto di Ronaldinho con la maglia del Milan.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy