Destro non basta, Donadoni chiede un rinforzo in attacco

Destro non basta, Donadoni chiede un rinforzo in attacco

La prima richiesta dell’allenatore per migliorare il Bologna è un attaccante in grado di affiancare Destro e di rendere più pericoloso l’attacco rossoblu.

L’ultima giornata a Verona contro il Chievo sarà una semplice formalità, utile per provare alcuni giocatori poco impiegati durante l’anno. Ora che il campionato è praticamente finito il Bologna si può concentrare sulla programmazione della prossima stagione pensando a sciogliere il nodo ds e a impostare il mercato. Donadoni dopo la sconfitta contro il Milan ha chiaramente espresso la necessità di alcune operazioni in entrata per migliorare la squadra perchè a suo parere la rosa odierna vale il quartultimo posto e una salvezza tranquilla, non di più. Con le sue parole, come riporta ‘Stadio‘, Donadoni rinforza la sua posizione di centralità all’interno del progetto Bologna. Inoltre in questo particolare momento, in cui manca un direttore sportivo, è proprio l’allenatore a prendere in mano le redini del mercato: il primo rinforzo richiesto è un attaccante.

Già a gennaio scorso Donadoni aveva chiesto un altro centravanti ed era stato accontentato con l’arrivo di Floccari, acquisto gradito ma non esattamente l’uomo gol invocato dal mister. Questa estate quindi l’obiettivo primario sarà un attaccante in grado di giocare al fianco di Destro o al suo posto e di garantire un apporto realizzativo importante, almeno la doppia cifra. Lo scorso anno si pensò che il numero 10 potesse bastare ma poi durante la stagione ci si è resi conto che il centravanti ex Roma non può sostenere da solo il peso di tutto l’attacco rossoblu. Destro ha chiuso l’anno con otto gol, bottino sotto le aspettative ma anche ‘bugiardo’ perchè viziato dall’infortunio che ha messo fine alla sua stagione due mesi prima del dovuto. Serve quindi un’altra bocca da fuoco, una punta da 10 gol che possa far rifiatare Destro ma anche migliorare il suo rendimento attraverso una sana concorrenza.

Le ambizioni della piazza e del tecnico sono alte e spingono il presidente a investire sul mercato per migliorare un Bologna che il prossimo anno punterà alla colonna sinistra della classifica.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy