Destro-Europei: fine del sogno

Destro-Europei: fine del sogno

L’infortunio che terrà l’attaccante lontano dai campi per almeno un mese allontana, quasi definitivamente, l’ipotesi di una sua convocazione in azzurro.

Il treno sembra ormai essere partito, senza che Mattia Destro sia riuscito a salirci. Questo treno si chiama Nazionale, l’ultima fermata in Francia, per gli Europei di giugno. L’attaccante del Bologna rischia di non scordarsi mai della notte di San Siro, che potrebbe essere ricordata come la fine del suo sogno azzurro.

L’infortunio rimediato contro l’Inter è pesante: almeno un mese di stop e rientro in campo, nella migliore delle ipotesi, non prima dell’11 aprile, giorno della trasferta del Bologna all’Olimpico contro la Roma. In questo lasso di tempo Destro dovrà rinunciare, oltre che agli impegni di campionato, anche alle due amichevoli di lusso della Nazionale, quelle con Germania e Spagna.

Le speranze di una sua chiamata per gli Europei erano già in calo nelle ultime giornate, a causa di un rendimento in discesa, come del resto quello dell’intera squadra rossoblù. Ma la frattura al dito del piede rischia di mettere la parola fine.

Una missione (quasi impossibile) pensando che il CT renderà pubblica la prima lista dei ventitre azzurri, con l’aggiunta di quattro riserve, il 16 maggio, il giorno dopo la fine del campionato. Destro, anche bruciando le tappe, non avrebbe più di sette partite per convincere Conte, un tempo probabilmente troppo risicato per scalare le gerarchie in attacco.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy