Delio Rossi: “Mi manca il campo, ma non la panchina”

Delio Rossi: “Mi manca il campo, ma non la panchina”

L’ex allenatore rossoblu si racconta a Stadio.

Il quotidiano bolognese Stadio ha intervistato l’ex allenatore del Bologna Delio Rossi che ha parlato della sua voglia di tornare ad allenare: “Mi manca il campo. Ma quando parlo del campo non intendo la panchina, ma la quotidianità, l’odore dell’erba, andare lì e fare le selezioni magari al buio, insegnare a un ragazzo la posizione dei piedi, come si crossa, o magari tenerlo lì a lavorare sul sinistro perchè ha solo il destro. Mi manca la quotidianità del lavoro, il profumo del campo da gioco. Non mi manca la domenica, secondo me la domenica è il giorno in cui l’allenatore incide di meno. Tutti pensano che sia il giorno decisivo, se fa un cambio, se non lo fa. Invece se hai lavorato bene durante la settimana, la domenica è solo la fotografia di quello che hai fatto”.

Sul famoso caso Ljajic: “Per me è una storia che era già chiusa lì. Credo sia tutto chiaro, non voglio tornarci. Non voglio che quell’episodio sia ricordato più di una Coppa Italia vinta”.

Il più forte che ha allenato?: “Pastore, estro puro e grande talento. Cavani è stato il miglior attaccante che ho avuto. Anche Vucinic era molto forte e sapeva abbinare tecnica e velocità: qualità che in pochi hanno”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy