De Pietro (Radio Verona): “Assenze pesanti, nessuna operazione in vista col Bologna”

De Pietro (Radio Verona): “Assenze pesanti, nessuna operazione in vista col Bologna”

Alessandro De Pietro, collega di Radio Verona, è stato intercettato dalla trasmissione “Quasi Gol”, alla quale ha raccontato le ultime in casa Chievo, in vista del match del Dall’Ara

Alessandro De Pietro, collega di Radio Verona, è stato intercettato dalla trasmissione “Quasi Gol”, alla quale ha raccontato le ultime in casa Chievo, in vista del match del Dall’Ara. “Castro è squalificato e sarà una grossa perdita, si sta dimostrando uno dei trascinatori di questa squadra e i 3 milioni spesi si sono rivelati un ottimo affare. Domenica mancheranno anche Gamberini e Meggiorini, che verrà sostituito da Inglese“.

Il giornalista veronese ha parlato poi del mister dei clivensi, facendo un paragone con Donadoni: “Maran è un allenatore molto giudizioso, è stato bravo l’anno scorso a sostituire Corini e a salvare la squadra. Come il mister del Bologna, anche quello del Chievo rappresenta il vero valore aggiunto. Nella passata stagione il suo più grande merito fu quello di rendere quasi imperforabile la difesa (la quarta migliore del campionato), mentre quest’anno è l’attacco ad aver fatto un grosso salto in avanti. Non scordiamoci che manca uno come Izco – continua De Pietro -. Pepe è come un secondo allenatore. Contro la Roma ha segnato un gran gol, eppure sta soffrendo un po’ perché vorrebbe giocare di più. Al momento però Birsa gli è davanti nelle gerarchie dell’allenatore”. 

Infine una battuta sui possibili rapporti fra Bologna e Chievo: “Non mi risulta ci sia alcuna operazione in vista fra i due club, anche perché i clivensi sono già apposto così. Radovanovic? Non so perché non abbia reso all’ombra delle Due Torri, qua a Verona gode di una grande considerazione“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy