De Carolis: “Giaccherini? Bisognava chiudere la trattativa molto prima”

De Carolis: “Giaccherini? Bisognava chiudere la trattativa molto prima”

Le parole del giornalista a Radio Bologna Uno.

Guido De Carolis è intervenuto a ‘Quasi Gol’ su Radio Bologna Uno parlando di Antonio Conte, l’artefice di questa grande nazionale azzurra uscita a testa alta giocandosela fino all’ultimo rigore contro la Germania campione del mondo: “La scelta di Conte di andare al Chelsea è stata fatta prima dell’Europeo, quando ancora non c’era questo clima di coinvolgimento e di attaccamento alla nazionale. Dopo la sconfitta con la Germania ci sono state scene davvero toccanti con i giocatori in lacrime davanti ai microfoni. L’applauso a Conte è stato fatto per riconoscere a un uomo sconfitto che è comunque riuscito a combattere con onore fino all’ultimo e a stare a livello delle grandi, con un’Italia che non era attrezzata per farlo. Inoltre vedere anche le lacrime e la commozione ha fatto capire quanto quest’uomo sia legato alla nazionale”.

Il giornalista del Corriere della Sera chiude poi analizzando la questione Giaccherini: “Giak ci sta molto bene in campo internazionale e mi dispiacerebbe se il Bologna non lo riportasse a casa. Non è una trattativa facile: il Sunderland chiede poco però il giocatore guadagna abbastanza e l’ottimo Europeo che ha disputato ne ha fatto lievitare il prezzo. Bisognava chiudere la trattativa molto prima, ora c’è ampia concorrenza e il club inglese forte delle prestazioni di Giak in maglia azzurra chiederà sicuramente cifre superiori a 1,5 milioni per il cartellino. Giaccherini ha già esperienza e potrà dare una grossa mano all’Italia di Ventura”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy