Da Signori a Gastaldello, passando per Mancini: quanti intrecci fra Bologna e Samp

Da Signori a Gastaldello, passando per Mancini: quanti intrecci fra Bologna e Samp

Dal ‘Resto del Carlino’

Quando si pensa a Bologna e Samp non possono che venire in mente i tanti intrecci di mercato fra i due club. I principali riguardano il passaggio di diversi campioni da una parte all’altra. Fra i nomi più altisonanti quello di Mancini, esordiente in A con la maglia rossoblù a soli sedici anni e sbarcato a Marassi per quattro miliardi.

Percorso inverso quello di Signori che, dopo una stagione da dimenticare in blucerchiato, visse una seconda giovinezza all’ombra delle Due Torri, dove rimase per sei stagioni. Come scordare poi i vari Antonioli, Castellini, Bellucci e Pagliuca, ex indimenticabili e protagonisti con entrambe le casacche.

Un anno fa, a spostarsi da Genova a Bologna, furono Sansone, Krsticic, Da Costa e Gastaldello, decisivi per la promozione in A. Di questi sono rimasti solamente gli ultimi due e in particolare per il difensore non sarà una partita come le altre, avendo avuto l’onore di essere capitano anche alla Samp.

Infine Rizzo, l’ultimo di questa lunga lista. Ragazzo cresciuto nelle giovanili della Doria, con la quale ha esordito nella massima serie, in estate è arrivato in Emilia. Domenica si siederà in panchina, non essendo ancora al meglio dopo l’infortunio rimediato proprio a Marassi col Genoa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy