Da Pulgar-Verdi a Bernacci-Di Vaio: quando il calcio da fermo diventa un caso

Da Pulgar-Verdi a Bernacci-Di Vaio: quando il calcio da fermo diventa un caso

Lo ‘scippo’ di Pulgar a Verdi porta alla memoria altri episodi simili.

Domenica sera uno degli episodi crocevia della gara tra Bologna e Napoli è stato la punizione che Pulgar ha ‘scippato’ a Verdi e poi tirato alle stelle. Pochi istanti dopo infatti il cileno, forse ancora scosso dall’errore, ha regalato a Mertens il pallone del 2 a 0 che ha chiuso la partita.

Come ricorda La Repubblica Bologna episodi di queste genere però nel calcio sono abbastanza frequenti. Si ricorda ad esempio nella stagione 2001 quando durante Milan-Bologna con i rossoneri in vantaggio per 2 a 0 fu assegnato un rigore ai rossoblu. All’improvviso un giovanissimo Maresca prese la palla e con personalità la portò sul dischetto fra lo stupore di mister Guidolin e dell’esperto tiratore designato Beppe Signori. Il centrocampista calcia debole e Abbiati la blocca senza problemi, la partita poi finì 3 a 3, ma il comportamento di Maresca fece sicuramente discutere.

Un altro episodio più recente è del 2008 ed ha per protagonista Marco Bernacci che sul 3 a 2 contro il Torino si guadagnò un rigore e decise di tirarlo al posto di Di Vaio. L’attaccante questa voltà segnò, ma a pagare lo scotto fu proprio Di Vaio: quell’anno Ibrahimovic vinse la classifica cannonieri con un solo gol di vantaggio sul capitano rossoblu, forse se avesse tirato quel rigore sarebbero cambiate le cose.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy