Cucci a Quasi Gol: “Alla nazionale serve uno come Destro”

Cucci a Quasi Gol: “Alla nazionale serve uno come Destro”

Intervenuto a “Quasi Gol”, il giornalista Italo Cucci ha parlato della situazione del Bologna, del mercato e di Mattia Destro, candidato sempre più concreto per una convocazione all’Europeo in Francia.

Intervenuto a “Quasi Gol”, il giornalista Italo Cucci ha parlato della situazione del Bologna, del mercato e di Mattia Destro, candidato sempre più concreto per una convocazione all’Europeo in Francia.

Secondo Cucci grande merito per la rinascita del Bologna va attribuito a Roberto Donadoni: “Il lavoro precedente di Delio Rossi era stato svolto in maniera folle, non c’era un rapporto sereno tra giocatori e allenatore, non c’era un progetto valido. Donadoni seguiva già da tempo il Bologna e ha accettato l’offerta proprio perchè sapeva che era un’ottima squadra. Proprio come Sarri, Donadoni ha preso una squadra in difficoltà e l’ha fatta rendere al meglio.”

Dopo le recenti ottime prestazioni il mercato estivo del Bologna si sta rivelando positivo e anche Italo Cucci lo conferma: “Il mercato è stato pienamente indovinato, l’unico errore di Corvino è stato iniziare la stagione con Delio Rossi che già era in difficoltà.”

Questi primi mesi di campionato sono stati fatali a tanti allenatori, oltre al rossoblu Delio Rossi sono stati esonerati anche Iachini, Mandorlini, Zenga e Castori, ma il cambio di panchina per ora ha portato risultati positivi solo a Bologna. Secondo Italo Cucci bisogna dare tempo ai nuovi allenatori: “Cambiare allenatore è un’operazione da fare con coscienza, Zamparini e Ferrero hanno fatto “un’asinata” con Iachini e Zenga. Una volta fatto il cambio bisogna dare tempo ai nuovi arrivati, penso che sia Montella a Genova sia Del Neri a Verona faranno bene. Per il Bologna sarà importante darci dentro e uscire il prima possibile dalla zona rossa della classifica.”

L’uomo del momento in casa Bologna è Mattia Destro protagonista domenica con una doppietta valsa i 3 punti contro il Napoli, Cucci ha spiegato il suo punto di vista sull’attaccante ex Roma e sulla sua possibile convocazione in nazionale: “Destro è un patacca, quando Prandelli lo chiamò per andare al mondiale lui rifiutò perchè non aveva un posto da titolare garantito, ora per lui sarà molto difficile riconquistare la maglia azzurra. L’Italia ha bisogno come il pane di un attaccante come lui, ma godiamocelo prima noi poi tutti gli altri. Penso che Destro diventi un altro di quei miracoli bolognesi come Signori, Di Vaio o Baggio, il suo gol di domenica mi ha ricordato Higuain.”

Il mercato di gennaio si avvicina e i nomi accostati al Bologna sono tanti, tuttavia Italo Cucci ridimensiona l’importanza della sessione invernale: “Bisogna diffidare del mercato di gennaio, si trovano solo gli scarti o i giocatori che hanno problemi a inserirsi in squadra. A gennaio compra chi ha sbagliato il mercato estivo o chi non ha idea di come si costruisca una squadra. Gabbiadini? Non arriva perchè proprio domenica si è visto quanto serva al Napoli un giocatore come lui, in grado di sostituire Higuain o ricoprire tutti i ruoli dell’attacco.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy