Crotone-Bologna, l’amarcord

Crotone-Bologna, l’amarcord

di Amos Segal

Introduzione

Sabato alle 18:00 andrà in scena allo stadio “Ezio Scida” di Crotone il primo anticipo della ventesima giornata del campionato di Serie A, prima del girone di ritorno. Si tratta di un match tutto in rossoblù, dato che i colori sociali sono uguali per entrambe le squadre.

Il club calabrese è stato fondato nel 1910 ed ha conosciuto diversi cambi di denominazione e rifondazioni nel corso della sua storia, navigando sempre tra campionati tra i Dilettanti, gli Interregionali e l’attuale Lega Pro, affacciandosi al calcio che conta nel 2000, con la promozione in serie B, grazie ad un gran campionato nel girone B dell’allora serie C, conclusosi con il primo posto. Ad allenare quella grintosa formazione c’era il grande Antonello Cuccureddu, stella della Juventus e da allora fior fiore di giocatori passeranno per la città calabrese:

Raffaele Ametrano, Giuseppe Sculli, Matjaž Florijančič, Daniele Gastaldello e Antonio Mirante (attualmente in forza al Bologna), Pasquale Foggia, Daniele Vantaggiato e Massimo Loviso (ex rossoblù), Antonio Nocerino, Alessandro Florenzi e Danilo Cataldi. Tra gli allenatori, non dimentichiamo anche Gian Piero Gasperini, che guidò il Crotone alla sua seconda promozione nella serie cadetta vincendo i play-off nella stagione 2003-2004.

Parlando sempre di salite, l’anno scorso è stato storico per il club calabro, in quanto è arrivato il secondo posto in serie B con ben 82 punti ed il conseguente accesso diretto alla massima serie nazionale: la data rimasta scolpita nel cuore di tutti è stata il 29 aprile quando, con il pareggio esterno per 1-1 a Modena, è arrivato il punto decisivo per compiere l’impresa.

Altra curiosità sull’ambiente crotonese, l’inno della squadra è la canzone “Ma il cielo è sempre più bl” scritta e cantata dal famoso cantautore locale Rino Gaetano ed il soprannome della tifoseria, come anche dei cittadini, è “pitagorici”, in quanto il filosofo e matematico greco Pitagora vi si stabilì per fondare una sua scuola.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy