Criscitiello: “I più ricchi sono a La Spezia, Sassuolo e Bologna, però…”

Criscitiello: “I più ricchi sono a La Spezia, Sassuolo e Bologna, però…”

Le parole di Michele Criscitiello

Consueto editoriale del lunedì di Michele Criscitiello su Tmw, il conduttore di Sportitalia ha analizzato la giornata di campionato e la situazione del calcio italiano. Il commento, soprattutto per quanto riguarda le realtà più piccole, è molto duro nonostante la ricchezza di Volpi, Squinzi e Saputo, patron di Spezia, Sassuolo e Bologna. Ecco le parole di Criscitiello: ” I direttori italiani si riducono all’ultimo in cerca dell’affare, ma attenzione: l’affare non c’è mai perché con 4 lenticchie e tre piselli non c’è molto da negoziare. Qualche scambio a destra e sinistra e qualche soldo dilazionato negli anni. Quando vi diciamo che siamo ridotti male non è per creare allarmismo ma per farvi capire in che mondo di pazzi viviamo. Non sono segnali positivi che i tre più ricchi del nostro calcio siano alla guida di Spezia, Sassuolo e Bologna. Sono tre bellissime città e tre grandissime piazze ma non sono le società che fanno girare l’economia. Il Bologna può fare affari con il Sassuolo e spende 500.000 euro per Floccari ma questo non ti cambia il sistema. La Roma li ha ma spende male. Milan e Inter sono alla canna del gas. Il Napoli è oculato, la Lazio ha il braccino corto e la Juventus li spende solo quando è convinta al 101%. Il mercato è povero e la maggior parte del danaro che esce dalle casse dei presidenti fa giri strani”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy