Clamoroso: la Procura starebbe indagando su Spezia-Parma

Clamoroso: la Procura starebbe indagando su Spezia-Parma

Colpo di scena: nel mirino la partita decisiva per la promozione dei ducali

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

L’indiscrezione è stata lanciata ieri sera negli studi di Sportitalia, ma ripresa oggi anche da diverse testate. Secondo il Corrieredellosport.it, la Procura starebbe indagando su La Spezia-Parma, partita che ha sancito la promozione in A dei ducali.

Il Parma vinse al Picco con i gol di Ceravolo e Ciciretti, in mezzo un rigore sbagliato dall’ex Alberto Gilardino, tra l’altro molto fischiato al momento della sostituzione. Sarebbe un clamoroso colpo di scena, soprattutto perché secondo le indiscrezioni pubblicate dalla testata, la Procura starebbe indagando su un presunto tentativo di illecito sportivo, con conseguenze tutte da dimostrare ma che potrebbero addirittura portare al deferimento dei due club. C’è anche da dire che la promozione del Parma è stata di fatto sancita grazie al clamoroso harakiri di Frosinone con il pareggio del Foggia allo scadere.

Gazzetta addirittura si spinge oltre, parlando di sms criptici da parte di due giocatori del Parma a qualche collega dello Spezia prima del match. Si fa riferimento a un paio di messaggi spediti da Fabio Ceravolo ed Emanuele Calaiò quattro giorni prima della partita ai loro colleghi avversari con riferimenti ambigui verso la difesa dello Spezia, quasi un invito a non metterci troppo furore agonistico. Sotto questo punto di vista la Procura avrebbe già ascoltato i giocatori dello Spezia Masi, in panchina, e De Col, regolarmente in campo, oltre che i due dirigenti Pinto e Micheli. Sarebbero già stati ascoltati anche Calaiò e Ceravolo.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy