Civolani: “Saputo è un dirigente di calcio con tanti soldi e nessuna idea”

Civolani: “Saputo è un dirigente di calcio con tanti soldi e nessuna idea”

Alla trasmissione di “Quasi Goal” condotta da Rita Mandini, è stato ospite telefonico, Gianfranco Civolani che come di consueto ha risposto alle domande dei tifosi e ha parlato della delicata situazione del Bologna.

“E’ evidente che Corvino abbia sbagliato – ha esordito Civolani – riprovevole la condotta di chi ha voluto continuare con Rossi, a mio avviso questo tecnico non andava neanche preso. Questo Bologna con questo allenatore retrocede, sicuramente. Corvino in qualcosa ha peccato ma in altre cose ha fatto bene.
Con il cambio di allenatore e con un mercato attento a gennaio, si può pensare alla salvezza; il problema è che Saputo non decide mai nulla, Saputo è un dirigente di calcio con tanti soldi e nessuna idea. Speriamo che a gennaio abbia voglia ancora di spendere dei soldi e di prendere delle decisioni”.

Per quanto riguarda i possibili nomi in panchina, Civolani ha così commentato: “Donadoni si, Prandelli mai, Corini mai, Montella tutta la vita ma è impossibile. Io prenderei Mazzarri facendo un grande sacrificio (grande sacrificio per molti), Saputo lo può fare ridendo e scherzando questo sforzo.
Rossi non ha dato assolutamente nulla, questi giocatori sono modesti, quelli del Frosinone sono migliori; occorrono a gennaio 4 giocatori di qualità, che possano essere titolari da subito. Serve invece un allenatore nuovo ma non a gennaio, già da domani.

Ha poi detto la sua sull’intera squadra, reparto per reparto: “La difesa è ridicola ed è ancora più ridicolo tenere fuori Oikonomou, colui che è stato definito il grande gioiello di questo Bologna, Mirante è incolpevole. Abbiamo un centrocampo leggerissimo e inadeguato, là davanti hai Mounier che ne ha fatti già 3 e forse ne farà altri, ma se poi prendi Destro che invece di fartene 15, come si sperava, te ne fa zero, la situazione si fa durissima. Conte non aspetta assolutamente Destro, ha 7-8 punte superiori a lui.

Infine ha commentato la classifica e la possibilità di arrivare in fondo ad essa anche a gennaio: “Dipende ovviamente anche da cosa fanno le altre squadre; ora come ora, l’Empoli e il Frosinone hanno 7 punti, bisogna iniziare ad ingranare la marcia. A gennaio si può arrivare anche ultimi in classifica ma basta che le altre siano a 2-3 punti da noi. Mancano 30 partite, ci sono in palio ancora un’infinità di punti.
Il problema è che se perdi a Carpi la situazione si aggrava, se vinci invece vedremo Fenucci in giro per Bologna ad osannare la bravura di Rossi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy