Civolani: “L’allenamento a porte chiuse è spaventosamente offensivo”

Civolani: “L’allenamento a porte chiuse è spaventosamente offensivo”

Gianfranco CIvolani, a “Quasi Gol”, affronta varie questioni riguardanti il Bologna F.C. 1909 e la Virtus Pallacanestro.

Gianfranco Civolani, interpellato sulla questione degli allenamenti a porte chiuse, esprime così il suo parere: “L’allenamento a porte chiuse è spaventosamente offensivo verso i giornalisti e, soprattutto, verso i tifosi“.

Sulla rosa e la campagna acquisti fatta ad a gennaio, afferma: “I giocatori li ha voluti Donadoni, non Corvino, e sono stati acquisti assolutamente inutili: a gennaio il Bologna non ha fatto nulla e quindi le cose vanno dette fino in fondo“.

Sul messaggio del “chairman” rossoblù dice: “Devo anche dire che io concordo in tutto e per tutto con il messaggio di Joey Saputo, il Bologna è una modesta squadra da 38 punti, forse ne farà 40-41, quindi Saputo ha ragione, garantirà la sopravvivenza del glorioso Bologna“.

Parlando poi dell’allenatore, questo è quanto dichiara: “Donadoni è l’allenatore ideale per un Bologna da dodicesimo posto, per un quinto posto avrei i miei dubbi“.

Lasciando momentaneamente il calcio per la pallacanestro, analizza la situazione in casa bianconera: “La Virtus, io dissi tempo fa, è triste da morire: non c’è società, non si prende Bucci come presidente per le ultime partite; la squadra è figlia di tantissimi errori fatti in sede di progettazione. Questa Virtus non retrocederà, il dramma è per l’anno prossimo, se non verrà qualcuno a prenderla per mano“.

Sul ritorno dell’italo-argentino Franco Zuculini, assente da più di un anno a causa del terribile infortunio contro il Carpi: “Zuculini mai dall’inizio, oggi potrebbe venire buono per una mezz’oretta“.

Sul messaggio di un tifoso su come mai il Chievo Verona fa campionati tranquilli, risponde: “Se Donadoni è un fenomeno, Maran è due fenomeni“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy