Civolani: “Il Bologna, a Bergamo, ha una tradizione ostile”

Civolani: “Il Bologna, a Bergamo, ha una tradizione ostile”

Il punto di vista di Gianfranco Civolani a “Quasi Gol” su Atalanta-Bologna, la partita di Champions League tra Bayern Monaco e Juventus ed altro ancora.

Gianfranco Civolani, sulla questione del successore di Antonio Conte nella guida della Nazionale, si esprime così: “Per la Nazionale o Ranieri o Pioli. Donadoni verrà chiamato per la Nazionale o per il Milan: se il Milan lo vuole, io chiamo Berlusconi e gli dico voglio 80 milioni“.

Rimarcando la questione della candidatura dell’allenatore bergamasco, attualmente al Bologna, dice: “Donadoni, anzichè fare il pesce in barile, dovrebbe dire: ‘Mai più parlare di me, perchè per due anni sono legato al Bologna’, ma non lo fa“.

Domenica, per Atalanta-Bologna, ci sarà in campo l’ex di turno, Alessandro Diamanti e Civolani dice al riguardo: “Andò via da Bologna in malo modo, Guaraldi non vedeva l’ora che se ne andasse, ma lui minacciò Guaraldi, se non lo lasciava andare: il Bologna deve temere Diamanti come Pinilla ed altri dell’Atalanta, non è più lui“.

Per quanto riguarda la gara di domani degli ottavi di finale della Champions League, questo è il suo pensiero: “La Juventus, che è una buonissima squadra, farà una buona partita, ma passerà il Bayern, senza strafare e senza stravincere; la Juventus, in campo internazionale, è da 7 e mezzo, il Bayern da 8“.

Torna, però, alla partita di domenica persa con l’Inter per il messaggio di un ascoltatore sull’arbitraggio, Civolani dichiara: “Calvarese è un buon arbitro, gli ho dato 6+ e ribadisco il mio pensiero“.

Conclude poi con un pronostico personale per domani sera: “Vinca il migliore, probabilmente il Bayern“.

Tornando a parlare del Bologna, lo fa con questa nota sull’attacco della squadra emiliana: “Acquafresca è profumatamente pagato e quindi ha il dovere di essere profumatamente in palla, quindi adesso lo portiamo in panca“.

Inoltre risponde ad un tifoso che gli chiede dell’italo-argentino Zuculini, che da tanti mesi non sta giocando in prima squadra a causa dell’infortunio: “Io posso anche stimare Zuculini, ma i fan si rassegnino, Donadoni non lo vede“.

Conclude l’intervento con due note sulla gara di domenica, questa è la prima. di carattere sportivo: “Non è vero niente che per l’Atalanta è l’ultima spiaggia, ha quattro punti di vantaggio sulla terz’ultima e non retrocederà. Il Bologna non farà molti punti da qui a alla fine, senza il bomberino“.

La seconda, invece, è di carattere da…tifoseria: “Il Bologna, a Bergamo, ha una tradizione contraria, ostile, i tifosi dell’Atalanta ci odiano, sarà una partita pericolosa“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy