Cinzia Galvani (Presidente Centro Bologna Clubs): “Corriamo il rischio che il Premio Bulgarelli finisca a Milano”

Cinzia Galvani (Presidente Centro Bologna Clubs): “Corriamo il rischio che il Premio Bulgarelli finisca a Milano”

Nel corso della trasmissione Tempi Supplementari, in onda la domenica sera sul circuito Radio Nettuno – Radio International e condotta da Ugo Mencherini e Vittorio Longo Vaschetto, è intervenuta Cinzia Galvani, presidente del Centro Bologna Clubs. Di seguito l’intervista

In occasione della gara con la Lazio si è riunita anche l’assemblea del Cbc. Quali novità ci sono?

“I temi trattati sono stati diversi, ma uno di quelli a cui tengo di più è stato relativo all’incontro con l’assessore Luca Rizzo Nervo dello scorso venerdì. Gli avevamo chiesto un incontro per parlare del Premio Bulgarelli, perché oltre al suo interessamento in prima persona anche il Cbc tiene al fatto che l’iniziativa rimanga a Bologna. Abbiamo contattato anche il club intitolato a Giacomo Bulgarelli e lo scorso venerdì c’è stato questo incontro. Durante l’assemblea abbiamo parlato anche della ‘Giornata delle bandiere’, che vorremmo organizzare per il 31 gennaio in occasione della gara contro la Sampdoria”.

Di cosa si tratta?

“Vorremmo ricordare tutte le nostre bandiere, sventolando le bandiere allo stadio per ricordare i giocatori”.

Quali sono gli altri temi in agenda?

“Vorremmo fissare una serie di incontri appena possibile con il chairman Saputo e il responsabile dell’area tecnica Pantaleo Corvino”.

A proposito del Premio Bulgarelli, come stanno le cose attualmente?

“Purtroppo il rischio che neppure quest’anno venga consegnato il premio, permane. Abbiamo chiesto l’incontro con Rizzo Nervo proprio per parlare di questa problematica perché lo stesso assessore si è mostrato sensibile all’argomento e ci tiene a far sì che il Premio rimanga a Bologna. Ne ha anche parlato con Saputo, per cui nelle prossime ore io e Rizzo Nervo faremo nuovamente il punto della situazione. Se la società riterrà di organizzarlo a Bologna, ovviamente partiremo con l’organizzazione: il tempo stringe, perché l’appuntamento è per febbraio. L’intenzione è quella di provarci”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy