Ceccarelli: “Seguiamo Lopez, ha creato un grande gruppo”

Ceccarelli: “Seguiamo Lopez, ha creato un grande gruppo”

Dopo un’annata storta a Padova, Luca Ceccarelli ha ritrovato una seconda giovinezza calcistica a Bologna. Un acquisto passato in secondo piano, ma che invece si è rivelato utilissimo: “Sono arrivato qui con una voglia pazzesca – ha raccontato il terzino a Repubblica – dopo Padova per uno di Cesena scegliere Bologna non era facile”. In bianconero è stato un simbolo, ma l’arrivo di Foschi non ha permesso di continuare l’avventura a Cesena: “Ho fatto 100 partite con loro, poi Foschi aveva altre idee e ci siamo separati. A Cesena ho giocato con tanti giocatori forti che poi sono esplosi, Parolo, Candreva, Eder e Moras, e ho pure vinto due volte a Bologna”. Dopo essere passato sotto il duro lavoro imposto da mister Bisoli, Ceccarelli ha potuto conoscere Diego Lopez: “Il mister ha le idee chiare – ha affermato il terzino – parla poco come tutti gli uruguaiani ma capisci subito se qualcosa non va. Sei sicuro che non ti pugnalerà mai alle spalle e tutti lo seguiamo. Ha creato un gruppo nel quale i nuovi si sono inseriti benissimo e di cui fa parte anche Di Vaio; che non considero ex giocatore”. Il cammino verso la Serie A è comunque duro: “Di facile c’è poco, quando sono salito con il Cesena avevo le cuffie per ascoltare Padova-Brescia, perché vincere in B è difficilissimo. Ora siamo secondi e vogliamo coronare questa stagione, sapendo che avremmo potuto fare la fine del Catania”. Infine, un pensiero su Bologna e sulla sua futura moglie: la figlia di Bresciani. “Sto molto bene qui, tutte queste differenze con la Romagna non le vedo, la città è perfetta, nè troppo grande nè troppo piccola. Io e Rebecca vivremo qui, non sapevo nemmeno fosse la figlia di Bresciani e tutte le volte che lo vedo gli chiedo: ‘quanto sei andato su quella volta col Chievo?'”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy