Carlino – Inzaghi non è un integralista

Carlino – Inzaghi non è un integralista

Il Carlino traccia un profilo dell’Inzaghi tecnico

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Carattere,  fire and desire, ma anche ragioni tecniche alla base della scelta del Bologna su Pippo Inzaghi per la panca.

Come riporta il Carlino, il tecnico del Venezia ha dimostrato nel corso della sua breve carriera da allenatore di non essere un integralista. A partire dalle giovanili del Milan, Allievi e poi Primavera, ha utilizzato il 4-3-3, modulo che inizialmente ha provato anche in Prima Squadra per poi modificarlo leggermente con il 4-2-3-1 o il 4-3-2-1 dopo l’arrivo nel 2015 di Mattia Destro a gennaio. Tra l’altro uno dei leader in quel Milan era proprio Andrea Poli.

Poi l’esperienza a Venezia, anche qui partita con il 4-3-3 con variazioni al 4-4-2 l’anno scorso, mentre in questa stagione Pippo ha virato su un solido 3-5-2 che ha migliorato la difesa con 42 gol subiti. In attacco il suo Venezia ha segnato 56 gol in C in 38 partite e 56 in B ma su 42 partite. Il Bologna, dunque, lo ha scelto anche per la sua duttilità e la capacità di adeguarsi alle qualità dei giocatori in rosa.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy