Carlino – Il progetto incompiuto di Corvino

Carlino – Il progetto incompiuto di Corvino

50 milioni impegnati subito al ritorno in A

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Joey Saputo e il Bologna si sono affacciati alla Serie A con Pantaleo Corvino in sella come Ds. E’ stato il dirigente salentino a costruire il primo progetto tecnico in massima serie del canadese, ma la sua missione è rimasta incompiuta.

Lo sottolinea il Carlino a due giorni dalla sfida alla Fiorentina proprio in cui è ritornato Corvino dopo l’esperienza a Bologna. Il lavoro del dirigente partì a gennaio con i tentativi per Pjaca, Giovinco e Saponara, poi mai arrivati, e nell’estate successiva vennero subito impegnati i 50 milioni che Saputo aveva stabilito come budget triennale in Serie A. Note le trattative per Defrel, Duncan e Quintero, che Corvino non riuscì a prendere, mentre arrivarono a Bologna Mirante, Diawara, Giaccherini, Donsah, Taider, Rossettini, Brienza, Brighi, Mounier, fino a Pulgar, Crisetig e la ciliegina sulla torta Destro acquisto più costoso della gestione Saputo. Sul Carlino si legge ‘Con il senno di poi, non tutte le ciambelle sono riuscite col buco. Basti pensare ai 5,5 milioni spesi per Rizzo, che fatica a ritagliarsi spazio a Foggia in cadetteria, o ai 4,5 per Crisetig, a Falco, Constant e Zuniga che non hanno lasciato traccia. E poi Destro, letale tra novembre e marzo della prima stagione, ma che ha vissuto di alti e bassi fino a smarrirsi da un anno a questa parte’. Di quel Bologna, ora, è rimasta solo una piccola parte.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy