Carlino: Donadoni è ancora l’uomo giusto per guidare il Bologna?

Carlino: Donadoni è ancora l’uomo giusto per guidare il Bologna?

La sconfitta col Cittadella suscita l’interrogativo sulla gestione del tecnico bergamasco.

L’umiliante sconfitta subita dal Bologna in casa per mano del Cittadella suscita di nuovo vecchi interrogativi sull’operato di Donadoni. Sono passati diversi mesi dal devastante 7 a 1 incassato sempre al Dall’Ara contro il Napoli, ma la musica pare non essere cambiata.

Sabato sera i rossoblu sono stati surclassati da una squadra che sommando il valore dei cartellini ha un valore complessivo di 12 milioni di euro, poco meno di quanto il Bologna ha sborsato per il solo Destro. Tra meno di una settimana inizia il campionato e c’è già il timore di un avvio tra le difficoltà, visto anche il calendario piuttosto complicato.

Dopo una stagione deludente Saputo ha confermato la fiducia a Donadoni, ma l’allenatore bergamasco ancora deve ripagarla. Le scelte di mercato, le cessioni di Ferrari, Rizzo, Oikonomou e quella imminente di Donsah e l’involuzione di Pulgar, Nagy, Krejci e Masina si sommano alle discutibili scelte di formazione adottate contro il Cittadella lasciando fuori Maietta, Taider e Mbaye. Le prime partite del campionato saranno un banco di prova per il nuovo Bologna e soprattutto per Donadoni.

Lo riporta Il Resto del Carlino.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy