Bucci: “Dissi a mio figlio ‘meglio onesti che alla Juve'”

Bucci: “Dissi a mio figlio ‘meglio onesti che alla Juve'”

Il preparatore dei portieri in una lunga intervista riportata da Toronews parla di alcuni retroscena all’epoca della sua esperienza al Toro

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Lunga carriera da portiere, ora preparatore. Luca Bucci ha sofferto retrocessioni, promozioni, Scudetti e Mondiali sfiorati. Poi la vita privata, influenzata dallo sport e dalla sua esperienza al Toro. Il racconto di Bucci a Toronews che qui riportiamo in uno stralcio:

“In particolare negli anni in cui ero al Toro, non fu sempre tutto rose e fiori – ha ricordato Bucci –  I compagni di mio figlio lo sfottevano quando il Torino – e dunque io – perdeva. Erano tifosi della Juve che in quegli anni (era l’epoca di Moggi) vinceva tanto e un giorno mio figlio tornò a casa e mi chiese: “Papà, perché non cambi squadra? Perché non vai alla Juve?”. Cercando di consolarlo, gli risposi: “Meglio onesti e perdenti, che disonesti e vincenti”.

L’intervista completa QUI

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy