Bucci: “Bologna al bivio. Donadoni? Buon tecnico, ma non ha emozionato”

Bucci: “Bologna al bivio. Donadoni? Buon tecnico, ma non ha emozionato”

Il presidente Virtus al Carlino: “O si continua a vivacchiare o si ambisce a qualcosa di diverso”

di Redazione TuttoBolognaWeb, @TuttoBolognaWeb

Presidente Virtus, ma anche mental coach. Alberto Bucci sa come stimolare a livello emotivo una squadra e da presidente sa anche quali sono i rapporti tra dirigenza, proprietà e allenatore. Di questo e di altro ha parlato al Carlino: “Dopo tre anni il Bologna è al bivio – ha affermato – O si continua a vivacchiare oppure si ambisce a qualcosa di diverso. Vivacchiare significa puntare alla salvezza accettando il rischio che una volta centrato l’obiettivo la squadra possa spegnersi”.

Ancora Bucci: “Io credo che la prima regola sia fissare un obiettivo preciso. Migliorare come? Di quanto? Perché quando nel calcio sento dire ‘centriamo la salvezza e poi vediamo’ si può star tranquilli che una volta salvo il giocatore staccherà la spina”.

Un pensiero su Donadoni: “E’ sicuramente un buon allenatore, ma è già la seconda stagione di fila che non lascia nulla a livello emotivo ai tifosi. Con la squadra più forte si perde, con quella alla portata si perde perché aveva più motivazioni. Allo stadio se non si va col sorriso e la voglia di sognare una impresa cambia poco arrivare noni o undicesimi“. Sui rapporti con Saputo: “Non so se Donadoni sbatte i pugni con il presidente o se invece sta sereno col culo nel burro. Se fossi nella società e mi accorgessi di avere un tecnico da culo nel burro mi butterei su un profilo giovane con la voglia di rischiare”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy